Reserved area



 

Event calendar
<   October 2018   >
M T W T F S S
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31
All events

Logo

Iniziative Europee per laDifesa: una opportunità per il Sistema Paese - Convegno 26 giugno 2018

July 3, 2018

 

 

 

Nel suo intervento il Presidente dell’AIAD, On.le Guido Crosetto, ha messo in guardia dai possibili rischi della PESCO (Cooperazione strutturata permanente), che ha descritto come un processo teso a "razionalizzare" l'industria della Difesa europea, con la conseguenza per la nostra industria di risultare “un vaso di coccio” in ragione delle modeste risorse che il nostro Sistema potrà mettere in gioco rispetto a Francia e Germania.

 

Per questo, ha aggiunto il nostro Presidente, potrà risultare utile liberare risorse da rendersi disponibili escludendo ad esempio gli investimenti per la Difesa dal deficit di Bilancio.

 

Nella sua analisi, ha poi sottolineato le conseguenze che derivano dalla "scarsa rappresentanza" in sede UE: "Non abbiamo una classe dirigente in grado di tutelare gli interessi italiani, non dobbiamo fare lo stesso errore nel campo della Difesa e per questo immaginiamo di poterci garantire un presidio a Bruxelles per cercare di monitorare le attività della Commissione, del Parlamento e del Consiglio”.

 

Il Presidente ha sottolineato altresì l’importanza e l’opportunità di sostenere in questo processo le nostre PMI, rimarcando la necessità da parte del Governo di una continua interazione con la realtà industriale nazionale per favorire e garantire alla nostra industria della Difesa le necessarie condizioni di competitività.

 

Il Sottosegretario Angelo Tofalo ha assicurato che il nostro Paese vuole stare nella "prima fascia" nel settore della Difesa e tra qualche anno potremmo dire la nostra ed affermarci tra i grandi paesi ai "tavoli" europei e della Nato.

 

Il Sottosegretario ha sottolineato al riguardo la necessità di "armonizzare" il dibattito pubblico interno su temi quali Difesa, Sicurezza e cooperazione a livello industriale per realizzare concretamente quel "Sistema Paese" necessario ad affrontare le sfide importanti che ci attendono. "Se uomini e donne, tra civili e militari, riusciranno ad armonizzarsi, saremo in grado di parlare con una voce senz’altro più forte a tutti i tavoli; disponiamo dei numeri e abbiamo i requisiti per affermarci tra i paesi più grandi e confrontarci alla pari con i nostri principali competitor come Francia e Germania".

 

Anche il Segretario Generale della Difesa, Gen.le Carlo Magrassi, ha evidenziato che le opportunità offerte da EDAP e PESCO potranno rivelarsi tali solo a condizione che sia possibile realizzare la massima sinergia a tutti i livelli e garantire in tal modo un "Sistema Paese" realmente integrato: "Le due iniziative introducono un elemento di novità rendendo disponibili per la prima volta fondi dedicati al finanziamento della Difesa Europea.

 

L'Italia ha assunto un ruolo attivo nella PESCO e nei "political commitments" al fine di incrementare il programma di cooperazione con un focus sulla centralità della cooperazione che punti a rafforzare anche le PMI nazionali.

 

Alla magnitudine dei fondi assegnati dall'Unione europea, attraverso le due iniziative, servirà tuttavia un impegno corrispettivo da parte italiana”. Come già evidenziato dall’On.le Crosetto, il Gen.le Magrassi ha messo in guardia dal rischio che "se non potremo disporre delle risorse necessarie per poterci garantire le condizioni indispensabili di partecipazione non potremo andare avanti", chiarendo che lo sviluppo del settore industriale della Difesa sarà possibile solo superando il sistema attuale di "risorse ingessate", favorendo invece la disponibilità degli investimenti necessari e capaci di valorizzare le competenze e le eccellenze dell'industria nazionale.

 

Gli interventi sono stati moderati dal nostro Segretario Generale, Carlo Festucci, che ha concluso con l’auspicio che il Governo possa effettivamente accogliere le istanze condivise in occasione di questo convegno e dar seguito ad un processo capace di realizzare concretamente un approccio sistemico, nella consapevolezza dell’importanza strategica ed economica del comparto nazionale dell’industria per la Difesa, e rendere conseguentemente disponibili le risorse necessarie a garantirne la competitività nei contesti internazionali.
 

Di seguito le presentazioni dei relatori: