Download

Area riservata



 

Calendario eventi
<   Gennaio 2018   >
L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31
Tutti gli eventi

R&T

 

Al fine di rispondere alle tempestive iniziative delle Commissione Europea in materia di Horizon 2020 Framework Programme e conseguente costituzione della Task Force ASD (TF 13), AIAD ha costituito il Comitato R&T che oltre ad essere di supporto al Presidente per le attività R&T Civili e Militari, sia in ambito Nazionale che Internazionale, avrà il compito di supportare le Aziende, facendosi promotore di filoni di strategia.

 

Compiti del Comitato:

  • Azioni verso ASD - Lobby a livellodi Commissione Europea
  • Attività Nazionali - Rapporti con il MIUR
  • Azioni AIAD verso i rappresentanti Italiani nei diversi organismi Europei.

 

Attività di R&T civili

 

PIATTAFORMA ACARE-It (trasporti/areonautica)

Il Comitato si definisce la "piattaforma tecnologica italiana per l'aeronautica" ed è attivo dal 2003. Unitamente agli esperti designati dalle principali aziende del settore, ne fanno parte: università, agenzie, enti ed autorità quali APRE ( l'Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea, di supporto operativo), ASI, CNR, ENAC e ENAV, i Ministeri dei Trasporti, dello Sviluppo Economico e dell'Università e della Rivcerca Scientifica e Tecnologica.

ACARE Italia intende contribuire alla definizione di una proposta condivisa sulla strategia nazionale e sulle tematiche tecnologiche di R&TD nel settore aeronautico.

 

I compiti sono:

organizzare e stimolare la discussione e il confronto tra gli attori del sistema aeronautico italiano - dagli utenti ai fornitori di servizi, all'industria, alle PMI, ai Centri di ricerca e alle Università e agli Enti Istituzionali - per identificare e sviluppare una strategia coordinata e condivisa di settore;

promuovere l'implementazione di una road map di medio-lungo periodo delle attività di R&ST avendo come riferimento una SRA nazionale definita dagli stakeholder del settore e adeguatamente supportata dalle Istituzioni;

offrire un contributo consultivo alle Istituzioni, a livello nazionale e locale, in modo che possano operare con una corretta informazione sulle capacità, infrastrutture ed aspirazioni nazionali;

supportare una posizione unitaria nazionale verso la Commissione Europea al fine di rafforzare il ruolo italiano sia nelle strategie comunitarie sia nella partecipazione ai PQ. Dal Council di Acare dipendono 6 gruppi: Istituzioni Nazionali, Istituzioni Europee, Ricerca per la Difesa, Distretti tecnologici, Aggiornamento SRA, Formazione.

PIATTAFORMA SPIN-It (spazio)

"SPIN-IT Space Innovation in Italy", è la Piattaforma tecnologica nazionale dedicata allo Spazio nata per promuovere l'innovazione e rafforzare la presenza italiana nei programmi europei e internazionali di ricerca applicata in questo settore.

La piattaforma, a cui partecipano imprese, università e centri di ricerca italiani, è stata costituita con il sostegno del MIUR-Ministero dell'Istruzione Università e Ricerca e su iniziativa di CSIT (Confindustria Servizi Innovativi e tecnologici), di AIAD (Federazione aziende italiane per l'aerospazio, la difesa e la sicurezza) e di ASAS (Associazione per i servizi, le applicazioni e le tecnologie ICT per lo Spazio).

 

SPIN-IT, strumento avanzato di sinergie fra industria, università e ricerca, intende valorizzare il dialogo con l'ASI, alla luce del suo documento di visione strategica 2010-2020 e favorire il confronto costante tra i soggetti istituzionali interessati, anche recependo i contributi del Tavolo Industriale per il "Sistema Spazio Italia".

PIATTAFORMA SERIT (sicurezza)

SERIT (Security Research in Italy) è la Piattaforma Tecnologica nazionale in tema di Sicurezza, promossa congiuntamente da CNR e Leonardo-Finmeccanica.

SERIT, in sintesi, è il tavolo dove con il contributo degli stakeholder nazionali, utenti finali, quali industrie, istituzioni e centri di ricerca si sono dati i segunti obiettivi di alto livello per la "Sicurezza" in sinergia con le linee strategiche della ricerca europea:

 

  • studiare e realizzare sistemi e tecnologie per proteggere persone e asset sensibili sul territorio nazionale;
  • studiare e realizzare sistemi e servizi per il monitoraggio del territorio e di prevenzione dei rischi emergenti in sinergia con i sistemi di prevenzione di catasrofi naturali e di gestione delle crisi;
  • studiare e realizzare sistemi e tecnologie per il controllo delle frontiere;
  • aumentare la competitività del sistema Paese, attraverso un'efficace programmazione e gestione delle attività di ricerca nell'ambito delle tematiche proprie della sicurezza, individuando i risultati migliori e collocabili sul mercato;
  • rafforzare le iniziative internazionali tese a sviluppare tecnologie per la Security supportando le linee di ricerca prioritarie nel VII e VIII PQ.

 

SERIT vuole essere anche un "FORUM" indipendente, aperto, che si basa sul lavoro volontario dei suoi partecipanti.

 

 

Attività di R&T militari

 

RITEC

  • Studia e sviluppa iniziative industriali per la ricerca e lo sviluppo di tecnologie avanzate (piani di settore);
  • Fornisce agli enti governativi una consulenza qualificata, in particolare nelle analisi sullo stato della base tecnologica nazionale anche con il relativo supporto documentale;
  • Presidia le iniziative riguardanti R&T in ambito nazionale (Piano nazionale ricerca militare), europeo (EDA: ambito CapTech, Commissione Europea: ambito Programmi Quadro; ASD: ambito Defence R&T Committee); NATO: in ambito STO;
  • Fornisce esperti per le tematiche R&T in ambito Lol ed in ambito DoP Italia-USA esprimendo i delegati presso gli specifici gruppi di lavoro e studio attivati in ambito Associazione Europea ASD e nel NATO/RTO.
  •  

    Il CapTech è il Gruppo che si interfaccia con SGD/V Reparto e EDA/Direttorato R&D per la definizione/lancio di programmi di ricerca europei.

    Si compone di FP/Focal Point divisi per area tecnologica i quali, d'accordo con i CNC/CapTech National Coordinators militari, partecipano alle riunioni EDA per la definizione dei programmi di ricerca.

    Ogni FP si collega ad una rete di rappresentanti industriali delle Aziende interessate alle aree tecnologiche delle singole CapTech.

    I singoli FP in aggiunta alle riunioni interne partecipano "ex-officio" alle riunioni del RITEC.